“L’unità prevale sul conflitto”: LA FRATERNITA’ CHE RISANA

“Se uno non ama il fratello che vede, come può amare Dio che non vede?” [1Gv 4,20]. Il monito della Prima Lettera di Giovanni, se calata nel contesto attuale, ci interroga profondamente. Il giornalista e scrittore Pankaj Mishra ha infatti definito la nostra epoca come “l’età della rabbia”: un’epoca segnata dall’egoismo e dal risentimento nei confronti dell’altro, visto come un competitore pronto a sottrarci qualcosa di prezioso o, in generale, il nostro spazio vitale. Il risultato è così quello di ritrovarci ad abitare un mondo costituito dalla somma di molte solitudini. Ma nella solitudine l’uomo perde se stesso: nella rottura di ogni relazione egli anticipa la sua morte. Questo perché l’uomo, sin dal suo concepimento, è essenzialmente vita-in-relazione: i legami lo costituiscono. Come ci ricorda la domanda di Dio a Caino (“Dov’è tuo fratello?”), ci sono legami che non vengono scelti e questi ci dicono chi siamo a seconda del modo in cui sappiamo rispondere al loro appello: tra questi, la fraternità. Al di là della volontà del singolo, ci si trova implicati nella fraternità – fratelli si nasce – e questa rimanda a una evidente diversità: ognuno, infatti, è unico e può dirsi tale solo all’interno di un legame con gli altri che condividono la stessa umanità. Come riscoprire il valore della fraternità in questo tempo di conflitti? Quali stili contraddistinguono una fraternità autenticamente vissuta? Qual è il cuore di una fraternità risanata e risanante?
Ne parleremo con mons. Erio Castellucci, teologo molto apprezzato nel panorama italiano che ha dedicato al tema dei legami (sia intraecclesiali che extraecclesiali) diversi contributi significativi.

Mons. ERIO CASTELLUCCI è arcivescovo di Modena-Nonantola dal 2015. Per diversi anni ha insegnato teologia alla Facoltà teologica dell’Emilia Romagna a Bologna, di cui è stato preside dal 2005 al 2009. Conferenziere molto apprezzato, tiene incontri e predica esercizi spirituali in tutta Italia.

Tra le sue pubblicazioni:

  • «Una carovana solidale». La fraternità come stile dell’annuncio in Evangelii Gaudium (San Paolo, 2018)
  • Solo con l’altro. il cristianesimo, un’identità in relazione (EMI, 2018)
  • La tartaruga e il principe. Conversazioni con i giovani (Cittadella, 2018)
  • La tua parola mi fa vivere. Quattro passi con la Bibbia (EDB, 2017)
  • La famiglia di Dio nel mondo. Manuale di ecclesiologia (Cittadella, 2012)
  • Annunciare Cristo alle genti. La missione dei cristiani nell’orizzonte del dialogo tra le religioni (EDB, 2008).

Scarica l’invito

Giovedì 14 marzo 2019, ore 20:45

Centro Diocesano di Spiritualità, via Medaglie d’oro, 8 – Crema